Sei in: 

Sistema Informativo regionale sull'Efficienza Energetica della Regione Toscana

In attuazione dell'art. 23 ter della L.R. 39/2005 e s.m.i. la Regione istituisce il sistema informativo regionale sull'efficienza e sulla certificazione energetica degli edifici e dei relativi impianti denominato "sistema informativo regionale sull'efficienza energetica" che comprende l'archivio informatico degli attestati di prestazione energetica, gli elenchi dei soggetti certificatori e degli ispettori degli impianti termici nonché il catasto degli impianti di climatizzazione.

L'attestazione della prestazione energetica degli immobili e i controlli di efficienza degli impianti termici sono due attività previste dalle norme con le quali viene perseguito il mantenimento e l'incremento dell'efficienza energetica dei nostri immobili e dei loro impianti di climatizzazione.
Vedi "Regione Toscana - Certificazione Energetica" e "Regione Toscana - Controlli sugli impianti termici".

Secondo l'art. 23 quater con gli strumenti previsti dalle disposizioni regionali in materia di amministrazione elettronica e semplificazione, la Regione assicura l'accesso: ai proprietari degli immobili i cui dati di efficienza energetica siano stati trasmessi al sistema informativo, ai soggetti certificatori di cui all'articolo 22 bis, ai manutentori degli impianti termici, agli organismi ispettori di cui all'articolo 22 bis, ai notai per l'esercizio delle loro funzioni relative al trasferimento della proprietàdi immobili, ai comuni e alle unioni dei comuni.

Il sistema informativo è suddiviso in due applicativi:
  • il CIT (Catasto Impianti Termici), dedicato ai controlli di efficienza energetica degli impianti termici, di climatizzazione invernale e/o estiva - clicca qui per visualizzare i territori in cui il CIT è attivo;

  • il APE (Sistema Informativo Certificazione Energetica) dedicato alla produzione degli APE - attestati di prestazione energetica - che misurano le performance energetiche degli immobili.



N° Impianti accatastati
Calcolo...
N° RCEE inseriti
Calcolo...
N° Manutentori accreditati
Calcolo...

N° Unità Catastali censite
Calcolo...
N° APE inseriti
Calcolo...
N° Certificatori accreditatii
Calcolo...
 
 

11/10/2018
Si comunica alla gentile utenza che in data odierna 11/10/2018 le nostre linee telefoniche e caselle e-mail  sono momentaneamente indisponibili.

Stiamo lavorando per risolvere al piĂą presto il disservizio, stimiamo nella giornata  di oggi di ripristinare la normalitĂ .

Per urgenze potete contattarci al seguente numero: 3931773910

Ci scusiamo per l'incoveniente.


03/10/2018
Si informa che mercoledì 10 Ottobre a partire dalle ore 15.00 sarà fermato il SERVER e l'applicativo SIERT non sarà raggiungibile per la pubblicazione di modifiche all'applicativo CIT sia lato manutentori che agenzie.

Salvo imprevisti, il sistema sarĂ  nuovamente funzionante a partire dal tardo pomeriggio.

Con l'occasione si invita, nei giorni successivi, a consultare le news presenti nel sito web all'indirizzo https://siert.regione.toscana.it/news_modifiche_cit.php?mn=2&stmn=14  o raggiungibili dall'area riservata per informazioni sugli aggiornamenti effettuati.

Scusandoci anticipatamente vi assicuriamo che cercheremo di ridurre i disservizi il piĂą possibile.


17/09/2018
Continua la marcia verso le nuove scadenze delle direttive 2009/125/CE sui requisiti di progettazione ecocompatibile degli apparecchi connessi all’energia e 2010/30/CE sull’etichettatura energetica degli stessi, misure significative per raggiungere gli obbiettivi del cosiddetto “Pacchetto clima – energia 20-20-20”, ovvero entro il 2020:
– 20% di aumento dell’efficienza energetica
– 20% di riduzione emissioni CO2 in atmosfera
– 20% di aumento dell’energia prodotta da fonti rinnovabili

LA PRIMA FASE DEL PROCESSO- Dal 26 settembre 2015, è stato imposto l’obbligo di produrre apparecchi in grado di assicurare specifici standard di efficienza energetica. Da qui l'obbligo, per tutti i prodotti destinati al riscaldamento e/o alla produzione di acqua sanitaria con potenza termica nominale inferiore o pari a 70 kW, di possedere un'etichetta energetica che ne evidenzi la classe di efficienza. Sempre a partire da settembre 2015, per i prodotti destinati al riscaldamento e combinati, è scattato anche l’obbligo del superamento di specifici limiti di efficienza stagionale. Queste soglie sono valide su tutto il territorio della Comunità Europea per i prodotti con potenza termica nominale uguale o inferiore a 400 kW e impediscono l’immissione sul mercato dei prodotti meno efficienti. Di fatto in pratica non è stato più possibile produrre caldaie tradizionali a tiraggio forzato. L’installazione di caldaie tradizionali a camera aperta è divenuta così possibile solo in sostituzione di vecchie caldaie installate in edifici plurifamiliari che scaricano i fumi in canne fumarie collettive ramificate (CCR).

LE NOVITA’ A PARTIRE DAL 26 SETTEMBRE 2018 - Le emissioni di ossidi di azoto, espresse in diossido di azoto, per le caldaie per il riscaldamento d’ambiente e miste che utilizzano combustibili gassosi, non dovranno oltrepassare la soglia di 56 mg/kWh di combustibile di alimentazione in termini di GCV, mentre per gli apparecchi dello stesso tipo, ma alimentati con  combustibili liquidi, il valore da rispettare è 120 mg/kWh. Gli scaldacqua istantanei inoltre devono rispettare - in base al profilo di carico - una determinata efficienza energetica di riscaldamento dell’acqua ancora piĂą severa.
L’obbligo riguarderà ovviamente i fabbricanti, mentre i rivenditori e i grossisti che hanno nei propri magazzini apparecchi acquistati prima del 26 settembre 2018 non avranno limiti temporali alla vendita di questi apparecchi. Il rispetto di tutte le prescrizioni regolamentari è quindi demandato all’esclusiva responsabilità dei fabbricanti.

ULTERIORI FASI – Un aggiornamento del regolamento, con criteri ancor più restrittivi, dovrebbe essere introdotto a partire dal 26 settembre 2019, con il “taglio” delle classi di minor efficienza ed etichetta energetica con classi da A+++ a D.


23/08/2018
Il 21 agosto 2017 si spegneva definitivamente l’applicativo CIT di Artel Energia ed il 24 agosto si accendeva per la prima volta il modulo CIT del SIERT sperimentalmente con i soli impianti della Provincia di Arezzo. Si sono aggiunti poi gli impianti della Provincia di Lucca, di Massa e via via quelli di tutto il territorio Regionale (ad eccezione delle città di Firenze e Grosseto che diventeranno di competenza regionale dal 01/01/2019). Al momento attuale il CIT ospita i dati di 1.500.000 impianti e di quasi 3.000.000 di RCEE e ha permesso l’unificazione delle procedure di trasmissione degli RCEE, del bollino da applicarsi sullo stesso RCEE, nonché delle modalità di accertamento documentale e di ispezione. Il Modulo CIT del SIERT è cresciuto molto in questo anno non solo come territorio coperto ma anche come funzionalità arrivando a permettere tra l’altro il caricamento massivo degli RCEE di tipo 1 e, sicuramente, ancora crescerà velocemente nel prossimo anno nel quale sono previste numerose novità, nonché la nascita del "fratello" APE.
Comunque giĂ  oggi raggiungiamo un traguardo importante: buon compleanno CIT!!!!


22/08/2018
Si informa che giovedì 23 Agosto a partire dalle ore 14.00 sarà fermato il SERVER e l'applicativo SIERT non sarà raggiungibile per la pubblicazione di modifiche all'applicativo CIT sia lato manutentori che agenzie.

Con l'occasione si invita, nei giorni successivi, a consultare le news presenti nel sito web all'indirizzo https://siert.regione.toscana.it/news_modifiche_cit.php?mn=2&stmn=14  o raggiungibili dall'area riservata per informazioni sugli aggiornamenti effettuati.

Scusandoci anticipatamente vi assicuriamo che cercheremo di ridurre i disservizi il piĂą possibile.